Articoli / Attualità - Arte- Informazione - Cultura

L’arte ha un’infinità di modi per esprimersi e quando i generi si contaminano nascono opere di grande effetto che scatenano stupore e meraviglia.

1. Un dipinto come una foto

Ne è un esempio calzante la pittura fotografica, un genere di pittura estremamente realistica, in cui l’opera è interamente basata su una fotografia e sulla capacità tecnica dell’artista di riprodurla il più fedelmente possibile.
Questo stile si colloca nell’ambito dell’ ”Iperrealismo” o “Fotorealismo”, movimento artistico conseguente alla Pop-Art, nato negli Stati Uniti alla fine degli anni ’60 e ufficialmente conclusosi alla fine degli anni ’70, ma che è riuscito ad influenzare anche pittori delle generazioni successive, fino ai nostri giorni, come testimoniano molti artisti contemporanei che utilizzano la tecnica foto realistica, pittorica, digitale o scultorea per realizzare immagini identiche alle fotografie originali da cui si sono ispirati.

Per creare opere con una così alta definizione e precisione occorrono, oltre al talento artistico, molte ore di lavoro, un’intensa concentrazione e una grande conoscenza di strumenti e materiali, senza contare l’immensa pazienza e la cura maniacale dei particolari.
Tuttavia lo stile iperrealista è stato molto ostacolato e messo in discussione in quanto giudicato solo pura tecnica, fredda ed impersonale e non arte a tutti gli effetti.

Ad ognuno la propria opinione, ma intanto vediamo da vicino alcuni di questi pittori, provenienti da varie parti del mondo.

Christiane Vleugels è una pittrice belga che ha iniziato a mostrare interesse per l’arte all’età di dodici anni. Ha studiato all’Accademia di Belle Arti e presso l’Académie Royale di Anversa.
I suoi dipinti ad olio, incredibilmente realistici, sembrano raccontare una storia e lei stessa dice: “L’unico scopo del mio lavoro è quello di indurre la gente a sognare. Non c’è niente che amo di più che portare il mio pubblico all’estasi, consentendo loro una sbirciatina nella mia fantasia”.

christiane-vleugels-6-iperrealismo-libertaearte

christiane-vleugels-1-iperrealismo-libertaearte

christiane-vleugels-2-iperrealismo-libertaearte

christiane-vleugels-3-iperrealismo-libertaearte

Kathleen Ballard, pittrice acquarellista statunitense è da sempre stata attratta dalle arti, fino a quando risalgono i suoi ricordi. Kathleen realizza acquerelli in stile tradizionale ma anche lunghe serie di dipinti fotorealistici per esplorare la materia in profondità, le superfici riflettenti e trasparenti degli oggetti e dell’acqua.

Serie “Involucro”   

Serie “Riflessi dello stagno”

Kathleen-Ballard-6-iperrealismo-libertaearte

Kathleen-Ballard-3-iperrealismo-libertaearte

Kathleen-Ballard-9-iperrealismo-libertaearte

Kathleen-Ballard-8-iperrealismo-libertaearte

Kathleen-Ballard-11-iperrealismo-libertaearte

Young-sung Kim, è un artista coreano nato a Seul nel 1973. Nel 1997 si è laureato al Dipartimento di Pittura della Hongik University, importante Università di Arte e Architettura di Seul.
Appassionato di iperrealismo e del mondo dei piccoli insetti, delle rane e dei pesci, Young-sung Kim ha scelto questi come soggetti per i suoi dipinti, riproducendoli con una sorprendente perfezione; altrettanto perfetti sono gli oggetti che li sostengono o contengono: barattoli e bicchieri di vetro che mostrano tutta la loro trasparenza o posate dal lucente metallo sui quali si riflettono i colori dei piccoli animali.
I dipinti di Kim fanno parte di numerose collezioni private e delle collezioni permanenti di diversi Musei della Corea del Sud.

Young-sung-Kim-4-iperrealismo-libertaearte Young-sung-Kim-6-iperrealismo-libertaearte Young-sung-Kim-7-iperrealismo-libertaearte Young-sung-Kim-8-iperrealismo-libertaearte Young-sung-Kim-9-iperrealismo-libertaearte

Young-sung-Kim-5-iperrealismo-libertaearte

Alyssa Monks, una fra le pittrici iperrealiste più conosciute ed apprezzate, è nata nel 1977 nel New Jersey (Stati Uniti). Ha iniziato a dipingere ad olio fin da piccola, ha studiato a lungo pittura nelle Università di New York, Montclair e Boston ma anche in Italia, a Firenze.
Attualmente insegna pittura e tiene conferenze presso Università ed Istituzioni a livello nazionale e fa parte del Consiglio della New York Academy of Art.
Molto probabilmente vi sarà già capitato di vedere qualche noto dipinto di Alyssa Monks che riproduce alla perfezione gli effetti visivi, le trasparenze ed i riflessi del vetro, del vapore e dell’acqua su persone prese a soggetto.

alyssa-monks-4-iperrealismo-libertaearte

alyssa-monks-2-iperrealismo-libertaearte alyssa-monks-5-iperrealismo-libertaearte alyssa-monks-7-iperrealismo-libertaearte

alyssa-monks-10-iperrealismo-libertaearte

alyssa-monks-8-iperrealismo-libertaearte

alyssa-monks-14-iperrealismo-libertaearte

alyssa-monks-11-iperrealismo-libertaearte

alyssa-monks-6-iperrealismo-libertaearte

Diego Fazio, in arte Diego Koi è un giovane artista nato a Lamezia Terme nel 1989. Con il suo straordinario talento e le sue matite è riuscito ad annullare la differenza di risoluzione tra una foto ed un disegno.
Diego si fa notare molto presto a livello internazionale e dal 2011 inizia a partecipare ad eventi ed esposizioni in Italia e nel mondo, ricevendo numerosi premi e riconoscimenti.
“L’intenzione [dell’artista] è quella di scrutare a fondo l’anima delle persone ritratte, e il tempo di esecuzione dell’opera permette questo approccio meditativo e di profonda conoscenza del volto della persona. Attraverso lo studio della comunicazione dei gesti e dell’espressione, l’artista riesce a dare voce ai più intimi sentimenti, che vengono anticipati dal titolo” (Lara Caccia).

diego-koi-il-silenzio-del-dolore-disegno-foto-libertaearte diego-koi-sensazioni-disegno-foto-libertaearte

Susana Alvarado – Vino e tulipani, 2016 – olio su tela – 120 x 80 cm

susana-alvarado-vino-e-tulipani-iperrealismo-libertaearte

Lee Price (USA) – Sonno e cibo – olio su tela

Lee-Price-Sonno-e-cibo-iperrealismo-libertaearte

Ruben Belloso (Spagna) – disegno con pastelli

Ruben-Belloso-2-iperrealismo-libertaearte

Dirk Dzimirsky (Germania)

Dirk-Dzimirsky-iperrealismo-libertaearte

Dru Blair (USA) – Ritratto di Tica – dipinto con aerografo in 75 ore circa

dru-blair-Painting-of-Tica-iperrealismo-libertaearte

2. Una foto come un dipinto

La contaminazione dei due generi, pittura e fotografia, avvien molto spesso anche in senso contrario, quando cioè l’artista riesce a realizzare una fotografia del tutto simile ad un dipinto, senza ricorrere al computer, bensì studiando le opere alle quali si ispira, le luci, le ombre e l’ambientazione, con grande abilità, passione e pazienza.

Paolo Marangi, in arte Paolo Zuf è nato a Taranto nel 1980. Fotografo autodidatta, si trasferisce a Milano e trasforma la sua passione in una professione, con la quale si mette in luce partecipando a numerose mostre.
Paolo Zuf trova la sua via più espressiva per comunicare, avvicinando il mondo della fotografia a quello della pittura e si distingue in particolare per la sua serie di scatti ispirati ai quadri di Vermeer e Caravaggio, nei quali si ritrovano lo studio della luce, i giochi di chiaro-scuro, l’atmosfera e le intense espressioni degli sguardi presenti nei capolavori dei due grandi Maestri della pittura. Le foto sono state realizzate in vari luoghi: studio, case e locali milanesi.
“Richiamare e rievocare la pittura del 1500 e 1700 mi dà la possibilità di sognare la delicatezza e la forza di tempi lontani che oggi forse si possono vivere solo andando a cercare i vecchi artigiani nelle ormai poche botteghe” (Paolo Zuf).
Nel lavoro di Paolo Zuf c’è quindi ricerca, preparazione e pianificazione ma anche l’ispirazione, la poesia e l’improvvisazione presenti in ogni opera d’arte.

Paolo-Zuf-1-foto-dipinti-libertaearte

Bill Gekas è un fotografo australiano, residente a Melbourne, ma di origine greca.
Oltre alla fotografia Bill ama la pittura ed in particolare quella europea del 1500-1600, che lo ha influenzato nel suo lavoro e portato a realizzare una lunga serie di scatti in cui è riuscito a ricreare lo stile, le luci e le atmosfere tipiche dei dipinti di Maestri olandesi, fiamminghi ed italiani, ma prendendo come soggetto sempre e solo sua figlia di cinque anni.

Questo lavoro, unico nel suo genere, ha riscosso un enorme successo e consenso di critica: è stato pluripremiato, esposto nelle gallerie più importanti in tutto il mondo e pubblicato in varie riviste d’arte, libri, giornali e altri mezzi di comunicazione a livello internazionale.

bill_gekas_foto-figlia-1-libertaearte bill_gekas_foto-figlia-5-libertaearte

bill_gekas_foto-figlia-6-libertaearte

bill_gekas_foto-figlia-7-libertaearte

LeA

Fonti:
http://www.christianevleugels.com/#hello
http://www.kballardwatercolor.com/site/about_me.html
http://alyssamonks.com/#333_AlyssaMonks_Integrate.jpg#home
https://diegokoi.it/
https://www.zuf.it/m/mobile/
http://www.billgekas.com/p1014938437
http://www.dzimirsky.com/#
cultor.org
it.wikipedia.org
webneel.com
mammaoggi.it

Commenti

  1. Luciano poli Dice: giugno 9, 2017 at 3:50 pm

    Una meraviglia, anche se vi è l’esasperazione della forma figurativa, come se l’informe , l’informale non possa essere assunto come relazione fra tecnica pittorica e tecnica fotografica.

    • Salve Luciano e grazie per aver scritto! E’ vero, ho posto l’accento sulla forma figurativa, ma non per disconoscere o sminuire l’astratto o l’informale. Senza dubbio sono istintivamente più attratta dall’arte figurativa in genere, ma essendo questo il mio primo articolo sull’argomento, ho considerato che il rapporto tra pittura e fotografia fosse più evidente attraverso la forma figurativa. Inoltre, nel documentarmi non ho scoperto molte opere astratte che potessero rendere l’idea. L’argomento è molto vasto, come capita sempre nell’arte e sto già preparando un altro pezzo che approfondisce il lavoro di una fotografa statunitense. Non sarebbe una cattiva idea proseguire il filone parlando anche di arte astratta, vedremo, se vuoi inviami pure esempi o idee. Grazie infinite e buona giornata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *