Articoli / Attualità - Arte- Informazione - Cultura

Lo stile Liberty, chiamato così in Italia ma anche Art Nouveau, Modern style o Jugendstil in altri paesi, è un movimento artistico che per più di cento anni ha esercitato un forte potere seduttivo grazie al fascino di opere provenienti da ogni settore dell’arte: pittura, scultura, incisione, architettura, ceramica, decorazione, illustrazione e manifesti.

lionne-attesa-libertaearte

Enrico Lionne (Napoli 1865-1921) – Attesa, 1919 – olio su tela – Galleria d’Arte Moderna, Novara

galileo-chini-allegoria-della-pittura-libertaearte

Galileo Chini (Firenze, 1873-1956) – Allegoria della Pittura, 1895 – tempera su tela – collezione Chini, Borgo S. Lorenzo (FI)

bonzagni-a-sera-uscita-dalla-scala-libertaearte

Aroldo Bonzagni (Cento, 1887-1918) – A sera. Uscita dalla Scala, 1910 – acquerello e tempera su carta – Galleria d’Arte Moderna, Milano

chini-manifesto-arte-ceramica-2-libertaearte

Galileo Chini (Firenze, 1873-1956) – Cromolitografia “Premiata Manifattura L’Arte della Ceramica”, 1899 – Museo Nazionale Collezione Salce, Treviso

sartorio-circe-libertaearte

Giulio Aristide Sartorio (Roma, 1860-1932) – Circe, 1893 circa – olio su tela – collezione privata

de-carolis-manifesto-libertaearte

Adolfo De Carolis (Ascoli Piceno, 1874-1928) – Cromolitografia “Francesca da Rimini. Tragedia di Gabriele D’Annunzio”, 1901 – Museo Nazionale Collezione Salce, Treviso

nonni-manifesto-libertaearte

Francesco Nonni (Faenza, 1885-1976) – Cromolitografia “Fonte Meo. Acqua Minerale Naturale Anagni”, 1912 – collezione privata

brozzi-coppa-del-liutaio-libertaearte

Renato Brozzi (Traversetolo, 1885-1963) –Coppa del Liutaio, 1923-24 – bronzo dorato e Studio della Coppa, a matita e biacca acquerellata su carta marroncina – Museo Renato Brozzi, Traversetolo (Parma)

paschetto-castalia-libertaearte

Paolo Antonio Paschetto (Torre Pellice, 1885-1963) – Castalia, 1907 – china su carta – collezione privata

quadrelli-fragilina-2-libertaearte

Emilio Quadrelli (Milano, 1863-1925) – Fragilina, 1901 – marmo di Candoglia e bronzo – Galleria privata e Zanelli (S. Felice di Scovolo 1879-1942) – Tripode, 1911 – bronzo- Fondazione Cavallini Sgarbi

Chini-manifesto-libertaearte-

Galileo Chini (Firenze, 1873-1956) – Cromolitografia “La Rassegna Internazionale della Letteratura e dell’Arte Contemporanea”, 1900- Museo Nazionale Collezione Salce, Treviso

ferrazzi-giochi-di-ragazzi-libertaearte

Ferruccio Ferrazzi (Roma, 1891-1978) – Giochi di ragazzi, 1913 – olio su tela –Accademia delle Belle Arti, Roma

Trecento di questi capolavori sono attualmente esposti a Reggio Emilia e la prevista data di chiusura del 14 febbraio è stata prorogata fino al 2 aprile a testimonianza di quanto questa corrente, nata a cavallo tra fine Ottocento e i primi del Novecento attragga tutt’ora un gran numero di persone.

Il Liberty italiano fu caratterizzato da due diverse tendenze: quella squisitamente floreale dalle linee fluenti, sinuose e decorative, seguita dagli artisti con una formazione accademica alle spalle e nel pieno della loro maturità e quella più “modernista” o “secessionista” adottata dai giovani, in segno di rifiuto e rottura col passato e di apertura verso le nuove correnti europee.

de-maria-Bergler-bozzetti-decorativo-naiadi-libertaearte

Ettore De Maria Bergler (Napoli, 1850-1938) – Naiadi, Bozzetto per Sala Pompeiana del Teatro Massimo di Palermo, 1893-1897 – olio su tela – collezione privata

chini-bozzetto-manifesto-libertaearte

Galileo Chini (Firenze, 1873-1956) – Bozzetto per L’Arte della Ceramica, 1900 circa – china, matita e acquerello su carta – Collezione Chini

chini-ad-vivendum-libertaearte

Galileo Chini (Firenze, 1873-1956) – Ad Vivendum, 1907-08 – olio e pastiglia su tela – collezione privata

“La bocca tace per ascoltar parlare il cuore”

canonica-sogno-di-primavera-libertaearte

Pietro Canonica (Moncalieri, 1869-1959) – Sogno di primavera, 1898 – marmo con inciso sul basamento un verso di Musset in francese: “La bouche garde le silence pour écouter parler le coeur” (La bocca tace per ascoltar parlare il cuore) – Museo Revoltella, Galleria d’Arte Moderna, Trieste

A Reggio Emilia le sale di Palazzo Magnani ospitano artisti del calibro di Plinio Nomellini, Galileo Chini, Kienerk, Enrico Lionne, Casorati, Corcos, Previati e molti altri che insieme, in un percorso di stupefacente bellezza danno un’ampia idea di quel Liberty che non fu solo un movimento artistico ma influenzò il gusto delle persone, la moda, gli arredi e gli oggetti di uso quotidiano prodotti a livello industriale.

LeA

benvenuti-villa-al-mare-libertaearte

Benvenuto Benvenuti (Livorno 1881-1959) – Villa al mare, 1911 – olio e tempera su cartone – Museo Civico Giovanni Fattori, Livorno – ideazione di Villa di villeggiatura in Versilia

carena-ofelia-libertaearte

Felice Carena (Cumiana, 1879-1966) – Ofelia, 1912 – olio su tela (dettaglio)

casorati-bozzetto-per-fontana-libertaearte

Felice Casorati (Novara, 1883-1963) – Bozzetto per fontana, 1914 – gesso – collezione privata

parisani-testa-d'angelo-libertaearte

Napoleone Parisani (Camerino, 1854-1932) – Testa d’Angelo, 1895 circa – olio su tela – Galleria Alessio Ponti

Bargellini-annunciazione-libertaearte

Giulio Bargellini (Firenze, 1869-1936) – Annunciazione, 1902-05 – olio su tela incollata su tavola – collezione privata

valeri-scena-di-figure-libertaearte

Ugo Valeri (Piove di Sacco, 1873-1911) – Scene di figure, 1906 circa – matita, acquerello e biacca su carta

Cellini-fantasia-libertaearte

Giuseppe Cellini (Roma, 1855-1940) – Fantasia, 1889 – tempera e pastello su cartone – Collezione Cellini


Fonte:
Catalogo della Mostra
LIBERTY IN ITALIA - Artisti alla ricerca del moderno
Palazzo Magnani – REGGIO EMILIA
5 novembre- 2 aprile 2017
www.palazzomagnani.it

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *