Articoli / Attualità - Arte- Informazione - Cultura
Pablo_Neruda_poesia-odi-www.libertaearte.com

Pablo Neruda nel 1963

La poesia è sempre un atto di pace. Il poeta nasce dalla pace come il pane nasce dalla farina” – Pablo Neruda da “Confesso che ho vissuto”.

Chi era Pablo Neruda più o meno tutti lo sappiamo. Nel 1904 nasce in Cile Ricardo Eliezer Neftalí Reyes Basoalto che si farà conoscere con lo pseudonimo di Pablo Neruda e diventerà nel 1971 premio Nobel per la letteratura. Gabriel Garcia Marquez, altro importante esponente della letteratura latino-americana, lo definì “il più grande poeta del XX° secolo, in qualsiasi lingua”.
Ma in questo momento non è la biografia di Neruda che voglio raccontarvi, anche se la sua vita è stata interessante, a dir poco movimentata, ricca di episodi felici e drammatici.

E’ scoprire almeno una parte del suo carattere, del suo pensiero, dei suoi valori e del suo genio letterario che vorrei, attraverso alcune delle numerose Odi che, tra il 1954 e il 1959 raccolse in quattro libri: “Odi elementari“ nel 1954, “Nuove Odi elementari” nel 1956, “Terzo libro delle Odi” nel 1957 e “Navigazioni e ritorni” nel 1959.

Neruda è conosciuto principalmente per le sue poesie d’amore e penso che sia stato proprio questo sentimento a muovere tutte le sue opere e la sua vita; un filo conduttore che non si ferma all’amore nei confronti di una persona prescelta, all’amore carnale ma si estende all’amicizia, all’amore per il prossimo, per il suo Paese, l’umanità, la natura, le piante, gli animali, il cibo, la vita.
Neruda ama, in tutti i sensi, non stupisce quindi che abbia dedicato gran parte della sua vita a difendere temi come l’uguaglianza, la fratellanza e la dignità degli uomini calpestata dalla tirannia dei potenti.
Neruda ama e ricerca la libertà assoluta, contro ogni convenzioni ed ordine costituito.

E’ stato un grande artista, diplomatico e politico ma anche un uomo semplice, riconoscente alle cose schiette e genuine di tutti i giorni, di grande convivialità, amante della buona tavola e delle cene con gli amici.

Ed è in quest’ottica che nascono le sue Odi, poesie costruite con una profonda attenzione al linguaggio ma semplicemente, poesie dai versi liberi, indirizzate agli adulti ed ai bambini perché Neruda vuole che la poesia si apra al mondo, diventi comprensibile ed accessibile a tutti, parli di quanto ci circonda e perda quel suo alone di ammirazione che incute anche timore e diffidenza.

Nelle sue Odi Pablo celebra quindi il quotidiano, le cose “elementari”, i piccoli eventi scontati ma preziosi che rendono bella la vita, gli oggetti di uso domestico, i fiori, le piante, gli animali.

Fra le Odi che ho letto, quelle, a mio parere che al meglio rendono e racchiudono la filosofia di vita ed il pensiero dell’artista sono “La Casa delle Odi”, la casa del poeta, come la vuole e la concepisce, dove tutto , l’uomo, la terra, l’acqua e il fuoco sono in armonia, dove tutto diventa arnese per essere utilizzato, anche la poesia e l’ ”Ode al pane”, l’alimento base della vita, il simbolo dell’amore e della condivisione, che diventa per Neruda anche simbolo della lotta contro i soprusi e le sopraffazioni sociali, contro l’egoismo e la povertà, speranza di vittoria e liberazione.

Pieter_Bruegel_il_Vecchio_-_La-Mietitura-(Agosto)_pittura-www.libertaearte.com

Pieter Bruegel Il Vecchio (1525-30ca – 1569) – La Mietitura (Agosto), 1565 – olio su tela – 118×160 cm -Metropolitan Museum, New York.

Trascrivo queste due poesie, la prima integralmente, la seconda riportando i passaggi più significativi, in quanto molto lunga.

LA CASA DELLE ODI (dalle Nuove Odi Elementari-1956)

Scrivendo
queste
odi
in questo
anno mille
novecento
cinquantacinque
spiegando e suonando
la mia lira obbligatoria e rumorosa,
so quello che sono
e dove va il mio canto.
Capisco
che il compratore di miti
e misteri
entri nella mia casa delle odi,
fatta
con mattone crudo e legno,
e odi gli utensili,
i ritratti
di padre e madre e patria
sulle pareti,
la semplicità
del pane
e della saliera.
Ma è così la casa delle mie odi.
Io detronizzai la nera monarchia,
la chioma inutile dei sogni,
calpestai la coda
del rettile mentale,
e disposi le cose
– acqua e fuoco –
d’accordo con l’uomo e con la terra.
Desidero che tutto
abbia
impugnatura
che tutto sia
tazza o attrezzo.
Desidero che per la porta delle mie odi
entri la gente alla ferramenta.
Io lavoro
tagliando
tavole fresche,
accumulando miele
nei barilotti,
disponendo
ferri di cavallo, arnesi,
forchette:
che entri qui tutto il mondo,
che domandi,
che chieda quello che vuole.

Io sono del Sud, cileno,
navigante,
che girò
per i mari.

Non me ne stetti nelle isole,
incoronato.

Non me ne stetti fissato
in nessun sogno.

Ritornai a lavorare semplicemente
con tutti gli altri
e per tutti.

Perché tutti vi possano
abitare
costruisco la mia casa
con odi
trasparenti.

ODE AL PANE

[…] del mare e della terra
faremo pane,
coltiveremo a grano
la terra e i pianeti,
il pane di ogni bocca,
per tutti,
il pane, il pane
per tutti i popoli
e con esso ciò che ha
forma e sapore di pane
divideremo:
la terra,
la bellezza,
l’amore,
[…] tutta la terra
divideremo
perché tu germini,
e con noi
avanzerà la terra:
l’acqua, il fuoco, l’uomo
lotteranno con noi.
Andremo coronati
di spighe
a conquistare terra e pane per tutti,
e allora
anche la vita
avrà forma di pane,
sarà semplice e
profonda,
innumerabile e pura.
Tutti gli esseri
avranno diritto
alla terra e alla vita,
e così sarà il pane di domani,
[…] Non ha ali
la vittoria terrestre:
ha pane sulle spalle,
e vola valorosa
liberando la terra.

Magini_Still_life_with_bottles-pittura-arte-www.libertaearte.com

Carlo Magini (1720–1806) – Natura morta con bottiglie – prima metà del 18 secolo – olio su tela – 58.2 × 79.2 cm – Museo Nazionale di Varsavia

Lascio a martedì prossimo, nella 2a parte, le tenerissime e divertenti Odi agli animali domestici e non, agli insetti e agli ortaggi e frutti più comuni.

A presto !

LeA

 

Foto di testata: La casa di Pablo Neruda a Isla Negra (Cile)

Fonti:
antoniogiannotti.it
it.wikipedia.org
en.wikipedia.org
poesiaracconti.it
agrariomendel.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *