Articoli / Attualità - Arte- Informazione - Cultura

“Mia madre e il rapporto difficile che ho avuto con lei sono quello che guida il mio lavoro” (Françoise de Felice)

I dipinti, ad olio su tela di Françoise de Felice esplorano la psiche umana, derivano sia dall’istinto che dalla profondità del pensiero, sono una storia introspettiva, un’auto-analisi.

Il rapporto difficile con la madre è alla base del lavoro di Françoise che spesso dipinge bambini e adolescenti tristi, che non trovano una loro collocazione nella vita; oppure dipinge donne, i diversi volti di una stessa donna, fata e strega, che esprime la lotta interiore tra le nostre varie parti, la lotta esterna con le persone a noi vicine, la battaglia tra felicità e infelicità.

Françoise-de-Felice-43-libertaearte

Françoise-de-Felice-41-libertaearte

Françoise-de-Felice-16-libertaearte

Françoise-de-Felice-17-libertaearte

Françoise-de-Felice-5-libertaearte

Françoise-de-Felice-44-libertaearte

Le figure rappresentate, benché bellissime delicate ed eteree, talvolta arrivano ad essere spettrali, evocando inquietudine, profonda solitudine e lontananza empatica. Tuttavia, in diverse tele si trova anche la serenità e la positività di chi con le battaglie della vita ha trovato un compromesso, una convivenza armoniosa.

Entrando nel mondo della pittrice parigina, si scorgono quindi immagini che potrebbero essere sogni, ricordi, visioni oppure il tutto, sovrapposto e popolato da animali o decorato da rose che hanno per Françoise molti significati reconditi.

Françoise-de-Felice-8-libertaearte

Françoise-de-Felice-30-libertaearte

Françoise-de-Felice-47-libertaearte

Françoise-de-Felice-4-libertaearte

Françoise-de-Felice-3-libertaearte

Françoise-de-Felice-36-libertaearte

Françoise-de-Felice-37-libertaearte

Françoise-de-Felice-29-libertaearte

Françoise-de-Felice-28-libertaearte

Françoise-de-Felice-11-libertaearte

Françoise de Felice è nata a Parigi nel 1952 da padre italiano e madre francese e lì ha trascorso i suoi primi 20 anni. Da bambina è stata introdotta al disegno da sua nonna.
Ha frequentato la Sorbona, le Belle Arti e il suo primo approccio all’arte è stato l’impressionismo, declinato in tutte le sue forme, fino al 1982.
Poi ha lasciato la Francia e si è stabilita in Sicilia dove i fasti del barocco siciliano e la luce dell’isola le hanno giovato per ricreare la propria personalità e la sua identità artistica.
Dopo molti avanti e indietro tra il Mediterraneo e la Francia, l’artista è tornata a vivere definitivamente nel suo Paese, vicino a Parigi, dove ha aperto un laboratorio.
Dal 1976 ha partecipato a grandi mostre in tutta Europa e si è distinta aggiudicandosi numerosi premi e riconoscimenti.

LeA

Fonti: 
Sito dell’artista:
http://galeriecalderone.com/artistes/francoise-de-felice/
Altre:
tuttartpitturasculturapoesiamusica.com
4ever21christina.wordpress.com
combustus.com

Françoise-de-Felice-6-libertaearte
Françoise-de-Felice-40-libertaearte
Françoise-de-Felice-10-libertaearte

Françoise-de-Felice-48-libertaearte

Françoise-de-Felice-24-libertaearte

Françoise-de-Felice-35-libertaearte

Françoise-de-Felice-38-libertaearte

Françoise-de-Felice-39-libertaearte

 


Commenti

  1. Si percepisce il sapore dell’arte, in un momento storico in cui prevale il mercato all’estetica.

    • Ciao Marco! Françoise De Felice riesce in modo egregio a far passare il proprio vissuto sulla tela, affinché chiunque possa percepirlo e comprenderlo. Penso che fondamentalmente per me l’Arte sia questo. Poi c’è il mercato, con tutte le sue motivazioni e le sue regole che dettano legge; per fortuna, vedo che molti artisti vengono comunque apprezzati e considerati per il loro puro talento, per la tecnica, e la loro capacità di parlare alla gente e trasmettere emozioni. Grazie per avermi scritto e a presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *